Entro la fine del secolo, potrebbero non esistere spiagge sabbiose secondo gli esperti scientifici

Metà delle spiagge sabbiose del mondo potrebbe scomparire, secondo una ricerca pubblicata su Nature Climate Change.

Poiché i cambiamenti climatici continuano a danneggiare il pianeta in vari modi, le spiagge sabbiose potrebbero essere le prossime vittime di un cambiamento irreversibile se non si intraprendono azioni urgenti. La ricerca ha scoperto che una “proporzione considerevole” delle nostre coste sabbiose si sta già erodendo, un fenomeno che potrebbe essere accelerato dai cambiamenti climatici.

Durante la raccolta dei dati, la ricerca ha utilizzato immagini satellitari per raccogliere informazioni, osservando come le spiagge sono cambiate nel corso di un periodo di 30 anni.

La ricerca afferma che entro la fine del secolo, quasi la metà delle spiagge di tutto il mondo, sarà completamente persa o danneggiata a causa dei cambiamenti climatici.

I livelli di temperatura tra oggi e il 2100 determineranno il numero di spiagge colpite, ma poiché le temperature continuano ad aumentare, si prevede che i livelli del mare aumenteranno ulteriormente e la frequenza delle tempeste violente aumenterà in tutto il mondo.

Con alcuni paesi esposti a una maggiore minaccia, l’Africa occidentale potrebbe affrontare una perdita del 60% delle sue spiagge e anche l’Iraq, il Pakistan, l’isola di Jersey nel Canale della Manica e l’isola di Palau nel Pacifico sono a rischio.

Gli autori dello studio hanno scoperto che il 40% della ritirata del litorale potrebbe essere prevenuta attraverso una riduzione delle emissioni di gas serra.

La gestione delle emissioni di gas serra attraverso le emissioni dei veicoli, le centrali elettriche e le industrie petrolifere potrebbe avere un impatto enorme sui cambiamenti sopra previsti.

Per leggere l’articolo completo, clicca qui.

A EGO, stiamo aprendo la strada alla riduzione delle emissioni attraverso attrezzature da giardinaggio alimentate a batteria. Facciamo un appello al cambiamento per aiutare le persone nelle industrie della manutenzione del verde, della cura dei parchi e del giardinaggio a comprendere meglio i rischi ambientali e per la salute personale associati alle apparecchiature alimentate a benzina e prendere in considerazione la possibilità di effettuare il passaggio.

Iscriviti per gli aggiornamenti

  • Sign up below and we'll send you news and updates regarding the Challenge 2025 campaign. You can unsubscribe at any time.